Vivere con sincerità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Dal Sir

VATICANO – La “colpa più grave” di Giuda “fu la falsità, che è il marchio del diavolo”. Così Benedetto XVI si è rivolto oggi ai fedeli, alla recita dell’Angelus, dal palazzo apostolico di Castel Gandolfo, invitando, per intercessione di Maria, “a credere in Gesù, come san Pietro, e a essere sempre sinceri con Lui e con tutti”.

Nelle parole di Gesù preannuncio del mistero pasquale. Il Pontefice ha ripreso il Vangelo odierno, che “presenta la reazione dei discepoli” al discorso – meditato nelle scorse domeniche – sul “pane della vita”, “che Gesù pronunciò nella sinagoga di Cafarnao dopo aver sfamato migliaia di persone con cinque pani e due pesci”. “L’evangelista Giovanni – che era presente insieme agli altri Apostoli – riferisce che ‘da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui’”, ricorda il Papa, “perché non credettero alle parole di Gesù che diceva: Io sono il pane vivo disceso dal cielo, chi mangia la mia carne e beve il mio sangue vivrà in eterno”. Parole, ha aggiunto a braccio, “difficilmente accettabili e comprensibili”: infatti “questa rivelazione rimaneva per loro incomprensibile, perché la intendevano in senso solo materiale, mentre in quelle parole era preannunciato il mistero pasquale di Gesù, in cui Egli avrebbe donato se stesso per la salvezza del mondo”.

Giuda “voleva un Messia vincente”. “Vedendo che molti dei suoi discepoli se ne andavano, Gesù – riporta papa Benedetto – si rivolse agli Apostoli dicendo: ‘Volete andarvene anche voi?”. Da qui la risposta di Pietro – “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio” – ma anche la reazione di Giuda, che “avrebbe potuto andarsene, come fecero molti discepoli; anzi, avrebbe dovuto andarsene, se fosse stato onesto”. Invece Giuda “rimase con Gesù” perché “si sentiva tradito, e decise che a sua volta lo avrebbe tradito”: egli “era uno zelota, e voleva un Messia vincente, che guidasse una rivolta contro i romani. Ma Gesù aveva deluso queste attese”.

I saluti ai pellegrini. Dopo la recita dell’Angelus, i saluti del Papa nelle varie lingue. “Abbiate coscienza che Dio vuole il vostro bene”, ha detto ai pellegrini francofoni e in particolare al gruppo di giovani giunti con i Servi di Gesù e Maria. Mentre ai seminaristi del Pontificio collegio americano del Nord ha chiesto di usare il tempo della loro permanenza a Roma “per conformarsi più pienamente a Cristo”. Tra i saluti pure quello “ai vescovi polacchi e ai pellegrini radunati a Jasna Gora. ‘Maria, con Te sto, ricordo, vigilo’ – ripetendo questa dichiarazione di amore alla Madre di Dio, siamo consapevoli – ha precisato – che essa significa anche l’impegno alla fedeltà e all’obbedienza al suo Figlio”. Infine gli italiani, ricordando in particolare la comunità del Seminario minore di Verona – “Cari ragazzi, il prossimo anno sia per ciascuno ricco di frutti nell’amicizia con il Signore Gesù” – e rivolgendo “fervidi auguri ai religiosi salesiani che celebrano 50 anni di professione perpetua, tra i quali il parroco di Castel Gandolfo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *