Nuovi criteri per i contributi regionali per le cooperative sociali

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – Definiti da parte della Giunta regionale i criteri per la concessione di contributi finanziari alle cooperative sociali di tipo B che assumono soggetti svantaggiati.

“Le cooperative sociali di tipo B della nostra regione – spiega l’assessore ai Servizi sociali, Luca Marconi – rappresentano un importante punto di riferimento per l’integrazione lavorativa delle persone svantaggiate, in particolare per i soggetti con patologia psichiatrica che, inseriti stabilmente nell’ambiente di lavoro, hanno la possibilità di trarre beneficio anche dal punto di vista della socializzazione”.

Sin dal 2008, nell’intento di riconoscere la particolare difficoltà di inserimento lavorativo delle persone con patologia psichiatrica, la regione ha destinato fondi a favore delle cooperative di tipo B per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato di soggetti di tutte le categorie di svantaggio, specialmente quelli con patologia psichiatrica.

“L’esperienza maturata in questi tre anni di applicazione della procedura – continua Marconi – ha evidenziato alcuni aspetti critici. In primo luogo, le problematiche legate alla patologia psichiatrica e al disagio mentale in genere sono vissute anche all’interno di altre categoria di svantaggio, quali le dipendenze patologiche, il carcere e altre disabilità. Quindi, non sempre è possibile avere una precisa indicazione della patologia sui verbali di invalidità. Necessaria, inoltre, la presenza di un programma individualizzato di inserimento lavorativo con mansioni adeguate alle capacità residue, mantenuto fino al raggiungimento degli obiettivi fissati e sottoposto a verifica da parte degli operatori.”

Il fondo regionale disponibile sarà ripartito in maniera proporzionale tra le cooperative sociali richiedenti prendendo in considerazione un tetto massimo di onere salariale annuo non superiore a € 15.000,00. Il contributo regionale non può superare il tetto massimo di € 30.000,00 assegnabile a ciascuna cooperativa sociale.

La proposta della Giunta, ora al tavolo della competente Commissione consiliare per la richiesta di parere, è stata discussa lo scorso giugno nella riunione del Comitato Tecnico Consultivo per la cooperazione sociale che ne ha condiviso le linee essenziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *