Approvato il piano integrato per attività produttive e lavoro dalla Regione Marche

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – Approvato in Assemblea Legislativa regionale il Piano integrato per le attività produttive e il lavoro per il triennio 2012/2014. “Si tratta di uno strumento integrato e inedito – commenta l’assessore alle Attività produttive Sara Giannini – che stabilisce gli obiettivi di medio termine per il sistema produttivo e occupazionale. E’ frutto del lavoro comune di due settori del governo regionale che hanno contributo insieme a mettere a punto una cornice normativa unitaria, che sovrintenderà ai propri singoli provvedimenti. Per arrivare a questo strumento abbiamo coinvolto tutti i soggetti attivi nella promozione d’impresa e del lavoro. Il piano annuale d’attuazione è in corso di emanazione. Uno strumento che, seguendo gli obiettivi fissati, metterà insieme le risorse disponibili del Fondo sociale europeo, del Fondo europeo di sviluppo regionale, di quello per le aree sottoutilizzate e dell’accordo di programma per le aree di crisi, per dare risposte tempestive alla crisi in atto”.

“La situazione è estremamente complicata – commenta l’assessore al lavoro, Marco Luchetti – attraversiamo una profonda crisi, per questo abbiamo cercato un nuovo approccio metodologico, ponendo obiettivi specifici e le basi per le azioni di qui alla fine della legislatura. La governance di queste azioni è stata messa a punto con le parti sociali, imprenditoriali e il sistema universitario della ricerca. Un obiettivo fondamentale è quello di sviluppare il capitale umano, affinché vi sia un efficace passaggio generazionale tra la storica imprenditorialità regionale figlia degli anni sessanta e settanta e le nuove energie, le nuove idee in grado di sostituirla. Per la prima volta nelle Marche e in Italia, attività d’impresa, formazione professionale e lavoro trovano una sintesi comune nelle strategie di sostegno, unendo le risorse per massimizzare l’impatto positivo sul sistema economico”.(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *