“Ridere…Ridere… Ridere…”, la stagione teatrale all’aperto di Ripatransone.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

RIPATRANSONE – Anche nell’estate 2012 si terrà a Ripatransone la stagione teatrale all’aperto, ormai giunta alla ottava edizione, denominata “Ridere…Ridere… Ridere…”, in quanto costituita da commedie dialettali finalizzate al raggiungimento del buonumore e del relax. Organizzatore della rassegna è, come nelle precedenti edizioni, il regista ripano Luigino Cardarelli, direttore del locale gruppo teatrale “Sette e mezzo”.  In questa edizione, che inizierà il 19 Luglio con la compagnia “Li Freciute” di Ascoli Piceno che rappresenteranno la commedia “I baroni Acari Pidocchi Pollini”, con la regia di Vincenzo Castelli, non sarà presente il gruppo teatrale ripano, che ha recentemente presentato la famosa commedia “Non è vero ma ci credo” di De Filippo sul prestigioso palcoscenico di San Benedetto del Tronto, in quanto tale commedia era stata presentata a Ripatransone lo scorso aprile in occasione della riapertura del Teatro Luigi Mercantini.

L’organizzazione di Luigi Cardarelli, in accordo con l’Amministrazione Comunale di Ripatransone, ha pertanto preferito puntare su compagnie diverse, che allegreranno le serate dedicate alla rassegna. Dopo la compagnia di Ascoli sarà infatti in scena il 25 luglio la “Compagnia della Luna” di Ancona, che presenterà “La soffitta di via Orsi”, di Mario Cacciani, per la regia di Gigi Santillozzi. A seguire il 30 luglio si esibirà la compagnia “Quelli che si credono la Duse” di San Benedetto del Tronto, che metterà in scena  la famosa commedia “Non ti pago” di Eduardo De Filippo, per la regia di Fiorella Troiano. Chiuderà la rassegna il 1 agosto la compagnia “La Nuova” di Belmonte Piceno, che presenterà la commedia “Chi è più lesti se la guadagna”, di Gabriele Mancini, che sarà anche il regista della serata.

Tutti gli spettacoli si svolgeranno nel giardino ex-ACLI, in caso di maltempo la rappresentazione sarà al coperto nel locale teatro Luigi Mercantini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *