Trasparenza Web

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ASCOLI PICENO – La Provincia di Ascoli Piceno figura al primo posto nella classifica “La Bussola della Trasparenza dei siti web” stilata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ministero per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione. Il sito istituzionale dell’Ente soddisfa infatti tutti e 43 i parametri richiesti dalle linee guida sui contenuti minimi obbligatori che, per legge, devono essere pubblicati sui vari siti. 

La posizione dell’Amministrazione Provinciale Picena ai vertici della classifica viene condivisa con altri Enti Locali tra cui la Provincia di Udine ed alcuni Comuni particolarmente virtuosi sul fronte della trasparenza amministrativa. Tra gli indicatori per comporre la graduatoria figurano, tra l’altro, dati informativi su bandi e concorsi, su atti e procedimenti amministrativi in corso, sull’organigramma dell’ente, sulla gestione economico finanziaria dei servizi pubblici, nonché informazioni relative all’Ufficio relazioni con il pubblico (URP).

“E’ un risultato che ci riempie di soddisfazione e di orgoglio perché la nostra Provincia in questa particolare classifica si colloca al primo posto superando di gran lunga i siti dei Ministeri, di Asur, e di molti Comuni e Province italiane anche di grandi dimensioni – ha commentato il Presidente della Provincia Piero Celani – oltretutto la trasparenza e un’efficace comunicazione istituzionale sul web rappresentano elementi essenziali per le buone pratiche amministrative ed i proficui rapporti con i cittadini. Stiamo lavorando attivamente – ha aggiunto Celani – per la realizzazione del nuovo sito istituzionale dell’Ente che a breve verrà inaugurato e di cui si sta attualmente ultimando un restyling completo e approfondito volto a migliorare la grafica e la semplicità di utilizzo anche a favore dei soggetti disabili o svantaggiati. Non solo saranno ampliati i contenuti e le modalità di interazione per rispondere con sempre e maggiore efficace ed incisività alle esigenze della collettività e del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *