Guerra in Provincia: il Pd si rivolta contro gli assessori beneficiari dei contributi europei

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO – Si fa sentire il gruppo consiliare del Partito Democratico in Provincia di Ascoli Piceno, sulla questione dei contributi comunitari a tre assessori da noi sollevata pochi giorni fa.

Ecco il testo diramato dagli organi stampa del partito: “Il Pd nella persona del consigliere Luigi Travaglini, ha presentato una interrogazione a risposta scritta e orale al prossimo Consiglio Provinciale al Presidente della Provincia Piero Celani e al Presidente del Consiglio Provinciale Armando Falcioni per sapere se intendono revocare i contributi assegnati agli Assessori Provinciali Olivieri, Allevi e Mariani nell’ambito del bando del Fondo Sociale Europeo emanato dalla Provincia che eroga contributi alle imprese per finanziare consulenti aziendali.

Dal bando, pubblicato in questi giorni sul sito della Provincia, figurano tra i beneficiari dei contributi di risorse finanziarie imprese di proprietà degli Assessori sovra menzionati.
Il Consigliere Travaglini chiede al Presidente Celani se si ravvisa, dal punto di vista normativo, incompatibilità o conflitto di interessi e se è eticamente e moralmente corretto che Assessori della Giunta da lui guidata, usufruiscano di contributi deliberati dallo stesso Organo esecutivo di cui sono componenti.

Nei prossimi giorni, afferma il Consigliere Luigi Travaglini, a nome del gruppo del PD, sarà inviato un esposto alla Corte dei Conti. Anche se l’atto contestato non risulta espressamente vietato dalla Legge, questioni di opportunità politica e considerazioni di tipo etico riguardo alla grave situazione economica che mette in ginocchio molte imprese della nostra Provincia, dovrebbero spingere i rappresentanti istituzionali a non occupare tutti gli spazi di opportunità anche economica, lasciando tali contributi a disposizione di imprese non riconducibili a chi ha il compito di erogare finanziamenti pubblici creando circuiti di opportunità e non identità tra erogatori e beneficiari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *