“Scarti”, una mostra che fa riflettere

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CUPRA MARITTIMA – Forse più di una mostra, è una vera e propria provocazione che vuole far riflettere sulle condizioni delle nostre spiagge. È l’esposizione di Henrica Van Velzen intitolata “Scarti”, inaugurata martedì 10 luglio e aperta fino a domenica 15 luglio, tutti le sere dalle ore 18 a mezzanotte, presso la Sala Polivalente di Lungomare Romita, Cupra Marittima, a cura della Pro Loco.
Di origine olandese, oggi Henrica si divide tra Roma e Massignano, e proprio passeggiando lungo le nostre spiagge ha avuto l’originale idea di raccogliere il materiale di scarto, rifiuti di ogni genere che purtroppo venivano rinvenuti sul litorale rivierasco, catalogarli, elaborarli, fotografarli, comporli, incorniciarli, dipingerli e ridipingerli allo scopo di porre tutti noi di fronte alla cruda realtà e farci pensare. Nascono così opere come “Rosone di scarti”, o “Sacra sindone” o “Dittico Pop” che prendono vita attraverso varie metodologie che dimostrano anche l’ampia preparazione artistica della Van Velzen. L’artista infatti ha fatto ricorso sia a tecniche antiche come quelle delle icone bizantine realizzate con foglia d’oro o d’argento su tela, sia alle più moderne stampe su plexiglass o alluminio e particolarissime rivisitazioni digitali, insomma nulla è lasciato al caso. «Vorrei semplicemente incoraggiare le persone ad avere più cura nei riguardi dell’ambiente – ha spiegato l’artista – perché è un peccato rovinare le spiagge a causa di semplici disattenzioni o trascuratezze. Raccolgo materiale da circa cinque anni, devo ammette però che negli ultimi tempi ho notato un miglioramento, trovo effettivamente meno rifiuti. Penso sia merito sia di una maggiore sensibilità dei cittadini e sia di una maggiore pulizia da parte degli enti preposti a questo compito. Spero che questa mostra riesca a colpire quanti ancora lasciano rifiuti in mare pensando erroneamente di non compiere gesti dannosi per tutta la società, presente e futura». La mostra prevede anche una nuova sezione dedicata alla rivisitazione di alcune note pubblicità, scomposte e rivisitate conferendo loro una personalità del tutto nuova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *