Obiettivi puntati su Monteprandone, al via la nuova mostra fotografica

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
(foto wikipedia)

MONTEPRANDONE- A Palazzo Parissi arriva “Obiettivi su Monteprandone”, la mostra che rappresenta il punto di arrivo del corso di fotografia di base organizzato dal Comune e dallo studio Colorfoto Campanelli. Un’occasione unica per 18 allievi di esprimere, attraverso un’opportuna miscela di creatività e tecnica fotografica, la preparazione acquisita nei mesi di lezione.

L’esposizione verrà inaugurata domenica 8 luglio alle 19.00 presso il Palazzo Parissi (Centro Storico di Monteprandone) e sarà visitabile fino al 19 luglio dalle 20 alle 24 con ingresso libero.

Il corso di fotografia da cui è nata “Obiettivi su Monteprandone” si è svolto da gennaio ad aprile  presso la Sala Riunioni di Centobuchi messa a disposizione dall’Amministrazione Comunale ed è stato tenuto da Ivano Di Benedetto e Luca Campanelli. I due insegnanti hanno fornito le nozioni fondamentali della fotografia, la storia, gli elementi basilari, le tecniche e i segreti per ottenere il meglio dai propri scatti. Sono state effettuate lezioni di teoria per i diversi argomenti alternate ad esercitazioni pratiche. Le riprese fotografiche collettive sono state, oltremodo, un’importante occasione di aggregazione, divertimento e condivisione della passione per la fotografia. Si è formato un gruppo di persone che continuerà a interagire tra loro, scambiando informazioni e cercando di mettere in pratica le nozioni acquisite.

Durante il corso gli allievi si sono misurati con la luce, le prospettive, l’uso degli obiettivi e dell’esposizione cercando di proporre una propria visione dei soggetti attraverso il mezzo tecnologico, la macchina fotografica, di cui si è raggiunta la piena padronanza. Un apprezzamento particolare va ai corsisti, che hanno realizzato immagini pregevoli pur con l’utilizzo di attrezzature assolutamente amatoriali, in qualche caso solo delle semplici compatte digitali. Questo rende evidente che una buona fotografia si crea soprattutto con il cervello e con il cuore, e che l’impegno riesce spesso a superare qualsiasi limite tecnico.

Con gli “obiettivi puntati su Monteprandone” sono state realizzate immagini semplici ma assolutamente vere ed efficaci per la descrizione della realtà, si è cercato di cogliere gli elementi paesaggistici più interessanti e le caratteristiche del territorio, che potranno poi essere usate per promuoverne lo sviluppo turistico, un modo semplice per essere comunque al servizio della collettività attraverso un hobby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *