Aggiornamenti sul progetto di lotta biologica al Cinipide del castagno

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Le aree individuate nell’autunno 2011 per i lanci del Torymus sono state monitorate per sincronizzare il lancio del Torymus con la fase di sviluppo del cinipide all’interno delle galle.

“Il Cinipide del castagno – come sottolinea l’assessore regionale al Piceno, Antonio Canzian – pur non interessando direttamente il frutto, può provocare nel lungo periodo il deperimento della pianta e, potenzialmente, perdita produttiva in termini di castagne. La Regione Marche – assessorato all’Agricoltura – con il Piano di settore castanicolo 2010-2013, ha aderito al programma di lotta biologica per contrastare l’emergenza Cinipide. Ai quattro siti di lancio previsti inizialmente dal progetto: Baccile (Montefortino); Meschia (Montegallo); San Pietro (Ascoli Piceno) e Venamartello (Acquasanta) è stata aggiunta una ulteriore zona, Rigo di Montegallo”.

I parassitoidi portati sul posto dai collaboratori del prof. Alma, dell’Università di Torino, sono stati rilasciati con successo nei giorni 27 e 28 aprile scorsi, grazie alla collaborazione del personale del Servizio fitosanitario regionale e del Corpo Forestale dello Stato. Il personale del prof. Alma ha inoltre effettuato un sopralluogo presso il Vivaio regionale dell’ASSAM “Alto Tenna” di Amandola, per verificare lo stato di realizzazione del centro di moltiplicazione del Torymus sinesis, che permetterà, in futuro, alla Regione Marche di produrre autonomamente il parassitoide per la lotta al cinipide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *