Castignano tra arte e storia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CASTIGNANOCastignano (Castëgnà nel dialetto locale) è un comune italiano di circa 3.000 abitanti della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche. Fa parte della Comunità Montana del Tronto.
Il nome Castignano sembra derivare dal bosco di castagni (Lucus castineanus) esistente nella zona e del quale parla anche lo scrittore Plinio. Altri invece, sostengono che il toponimo derivi dal Console Romano Castino che soggiornò nel paese al termine della guerra sociale sostenuta dai Piceni e loro alleati contro Roma.
Attorno all’anno 1000 il paese era di notevoli dimensioni, ma franò piu volte in diverse zone come testimoniano le alte rupi visibili nella parte orientale del paese.
Nel secolo XI Castignano entrò a far parte del presidiato Farfense e più tardi, passò sotto l’autorità del vescovo di Ascoli.
Il dominio di Ascoli non fù mai accettato ed in parecchie occasioni il paese tentò di riacquistare l’autonomia.
Nel 1364 Baldilisco di Ciccio a capo dei Castignanesi riuscì ad entrare in Ascoli e saccheggiarla, tuttavia Castignano continuò a restare sotto il dominio ascolano ed ad offrire il palio in occasione della festa di S. Emidio.
Il paese subì , tra il 1369 e il 1380 una breve ma dura tirrannia di Boffo da Massa.
Attorno al 1400 Castignano passò sotto l’autorità della Corte Romana poi ancora sotto Ascoli.
Attorno al 1585 Sisto V lo pose sotto la giurisdizione del Vescovo di Montalto Marche.
In questo periodo i Castignanesi ottennero dal papa molti privilegi e nel 1590 compilarono il Nuovo Statutio.
Nel 1860 fù uno dei primi paesi della provincia ad innalzare il vessillo nazionale ed i suoi abitanti, insieme a quelli di Offida, si recarono a Montalto per tentare di cancellare monumenti e ricordi del dominio pontificio.
Ogni anno si svolge la rievocazione storica “Templaria”. Il festival è la rievocazione storica della civiltà medievale ed offre ai visitatori: teatro, musica e danze.

 

Fonte il Comune di Castignano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *